Linea di produzione Ketchup per Kraft Heinz Mexico

Ketchup: le origini e la “variante al pomodoro”

Il ketchup è originario della Cina meridionale costiera. Si pensa che Il termine “ketchup” derivi dal cantonese o da uno dei dialetti di quell’area. Gli ideogrammi con cui è rappresentata la parola significano “salamoia/succo” di “salmone/pesce”. La ricetta originale era infatti a base di pesce fermentato e non di pomodoro. I cinesi la diffusero nel sud-est asiatico, dove entrò nella lingua malese come kecap o kicap (pronunciato /kechap/ o /kichap/). Dal malese passò alla lingua inglese come ketchup.

Sebbene sia spesso considerato un prodotto statunitense, l’origine del ketchup è quindi orientale. Quando nel Seicento questa salsa sbarcò in Europa, i cuochi iniziarono a ideare delle varianti utilizzando diversi ingredienti, tra cui ostriche, funghi, noci e limone. La ricetta moderna del ketchup inizia a svilupparsi alla fine del Settecento negli Stati Uniti, quando alcuni cuochi iniziano a utilizzare il pomodoro per produrla.

Nel 1812 nasce così il primo Tomato Ketchup (ketchup di pomodoro) prodotto da James Mease, di Filadelfia. Ma fu solo nel 1869 che Henry J. Heinz sviluppò la ricetta del ketchup che la sua azienda, la Heinz, utilizza ancora oggi. Andando controcorrente rispetto alle abitudini di allora, Heinz aumentò la quantità di aceto e di zucchero, aggiunse la cipolla e un mix di spezie, creando la ricetta che ancora oggi viene ritenuta quella definitiva.

Heinz e CFT: insieme per la lavorazione del ketchup

CFT e Heinz hanno lavorato insieme fin dall’inizio della storia di CFT, negli anni ’50.

Il nostro fondatore Camillo Catelli ha collaborato assiduamente con i dirigenti di Heinz di quell’epoca, per innovare e ampliare l’industria americana della trasformazione del pomodoro, in particolare per la produzione di Tomato Ketchup. Questa cooperazione ha dato modo di creare un rapporto leale e duraturo tra le due aziende, che dura ancora ai giorni nostri.

La storia e l’esperienza di CFT e ancora prima di Rossi & Catelli nell’industria del pomodoro hanno giocato un ruolo molto importante nel processo decisionale di Kraft Heinz Mexico in questo progetto. La filiale messicana ha infatti scelto la nostra soluzione per la linea di produzione di ketchup anche basandosi sull’affidabilità delle nostre tecnologie e sul fatto che molti altri stabilimenti Kraft Heinz sono dotati di macchine e linee di CFT Group.

Un dialogo accurato e proficuo con Kraft Heinz Mexico ha contribuito poi alla realizzazione di una delle migliori linee Ketchup standard CFT attualmente in funzionamento, con riempimento a freddo come prevede la storica procedura di Heinz.

Macchina riempitrice per ketchup

Il cuore di questa linea di produzione ketchup è la nostra riempitrice a flussimetri Magic FW, che risponde alla perfezione alle esigenze di Heinz per questo impianto. Magic FW è una macchina automatica progettata per il riempimento a caldo o a freddo di liquidi viscosi e scorrevoli come ketchup, formaggio fuso, yogurt, concentrato di pomodoro, creme, paté, marmellata, miele, polpa di frutta e succhi di frutta. In questo progetto la riempitrice è stata installata in un monoblocco composto anche da una soffiatrice ed una tappatrice.

Le principali caratteristiche di questa macchina sono:

  • Altissimo livello di igiene
  • Nessuna usura meccanica e di conseguenza costi di manutenzione estremamente bassi
  • Precisione di riempimento costante, sia per il dosaggio di piccoli che di grandi volumi
  • Capacità di riempimento anche con prodotti altamente aggressivi grazie all’utilizzo di flussimetri in acciaio inox Aisi 316L
  • Cambio rapido di formato e sistema di lubrificazione centralizzato

Confezionamento secondario del prodotto finito

Altro punto particolare di questa linea di produzione ketchup è la fardellatrice IBER COMBI a marchio CFT/PKS, che è stata progettata ad hoc con un ingresso speciale, in modo da adattarsi allo spazio disponibile nello stabilimento.

La fardellatrice IBER COMBI di CFT/PKS è in grado di gestire cartoni e fardelli e può essere progettata su misura. La macchina si distingue per la sua flessibilità e facilità di cambio formato.

La linea automatica e completa di confezionamento ketchup si chiude con un robot pallettizzatore (CFT 801), un robot articolato a 4 assi programmato per la pallettizzazione di cartoni e fardelli.

Altre macchine e dispositivi presenti nella linea sono:

  • Riordinatore di bottiglie in materiale plastico
  • Trasportatori speciali di allineamento “senza pressione”, accumulo e collegamento tra le macchine
  • Saldatore ad induzione
  • Controllo con “raggi X” del livello del prodotto
  • Etichettatrice x etichette auto adesive in versione “NO-Stop”
  • Marcatore laser dopo l’etichettatrice
  • Controllo peso fardelli

La linea completa per la produzione di Tomato Ketchup che abbiamo installato nel 2019 nello stabilimento di Kraft Heinz Mexico è un ottimo esempio di linea efficiente, il risultato di un grande lavoro di ricerca e progettazione per ottenere la piena soddisfazione delle necessità del cliente.

Iller Ibatici – Sales Area Manager

Marcello Monica – Project manager


Tomato Ketchup: prospettive di mercato

Si prevede che le dimensioni del mercato del Tomato Ketchup raggiungeranno i 23 miliardi di dollari entro il 2025, crescendo a un CAGR del 4,2% durante il periodo 2020-2025.

Il crescente cambiamento nelle abitudini alimentari, la disponibilità di scelta del gusto, lo stile di vita sedentario sono i principali fattori che guidano la crescita del mercato del Tomato Ketchup.

In alcuni Paesi il prodotto rappresenta anche un comodo sostituto per salsa e altri condimenti, consentendo una minore spesa per la preparazione del cibo. Anche questi sono fattori che incentiveranno la crescita del mercato del Tomato Ketchup entro il 2025.


Fonti